Sei mete car-free per una vacanza all’insegna dell’ecosostenibilità

Aggiornato il: 7 set 2019

Cambiamenti climatici e inquinamento ambientale, conseguenza di una società in cui la parola benessere è diventata sinonimo di comfort, tecnologia e consumi, sono purtroppo ormai da molti anni al centro dell’attenzione internazionale.



In attesa di una risposta mondiale ad una problematica che ha ormai raggiunto le dimensioni dell’emergenza, sono numerose le iniziative che a livello locale ricercano e perseguono stili di vita ecosostenibili. Tra le soluzioni che negli ultimi anni hanno preso maggiormente piede, vi è la realizzazione di aree o quartieri car-free: se Venezia, per ovvi motivi, è forse la città senz’ auto per antonomasia, sono soprattutto alcune delle principali città del nord Europa ad essersi attivate per realizzare quartieri liberi dalla circolazione di mezzi a motore.


Accanto alle grandi aree metropolitane, vi sono tuttavia anche piccole realtà che hanno saputo coniugare il rispetto per l’ambiente con una vocazione turistica.

Pronti dunque a fare il giro del mondo attraverso sei incantevoli luoghi da visitare senza patente!


Chamois

Non possiamo non incominciare il nostro tour proprio dal nostro Paese. Ci troviamo sul Cervino, a 1815 m d’altitudine. Il piccolo paese, che dal 2006 può fregiarsi del titolo di “Perla delle Alpi”, è raggiungibile esclusivamente tramite funivia, a piedi a partire dal fondovalle percorrendo un’antica mulattiera, oppure in bicicletta attraverso un agevole e ameno percorso che parte dal centro di La Magdeleine. Perché dunque recarsi in questo sperduto angolo d’Italia? Lo sanno bene gli stessi abitanti di Chamois che affermano con orgoglio sul sito del comune: “A Chamois si arriva per vivere il piacere puro della montagna più vera”. Un luogo a misura d’uomo, lontano dallo stress, dalla confusione, dal traffico, oasi di quiete in sintonia con i ritmi di una natura che racchiude questo piccolo gruppo di case nel suo placido abbraccio.






Giethoorn


Giethoorn è un delizioso villaggio dei Paesi Bassi divenuto negli ultimi anni una frequentata meta turistica. Soprannominato la “Venezia dei Paesi Bassi”, esso sorge su una serie di piccoli isolotti situati all'interno del Parco Nazionale Weerribben-Wieden, un’ampia zona lagunare ricca di torbiere e acquitrini che rendono il paesaggio circostante estremamente suggestivo. La sua principale caratteristica è chiaramente la mancanza di strade: unici mezzi di trasporto sono la bicicletta e la barca, come il punt, stretta imbarcazione a fondo piatto in grado di districarsi nell'intricato dedalo di canali lungo le cui rive si sviluppa il piccolo centro (consigliata la partecipazione ad uno dei tanti tour organizzati). Destinazione perfetta per una gita di un giorno, la pace e la magia di questo luogo vi potrebbero tentare a prolungare la vostra permanenza.


Hydra

Situata nel Golfo Saronico, al largo di Atene, Hydra è un’isola greca fuori dagli standard. Appena sbarcati nel pittoresco porticciolo, sono due gli elementi che cattureranno la vostra attenzione: l’architettura in stile veneziano, retaggio dell’antica dominazione, e l’assenza totale del rumore del traffico. Perché su questa isola i veicoli a motore sono assolutamente banditi. Come muoversi dunque? Oltre che via mare, gli unici mezzi a disposizione saranno i vostri piedi oppure asini e muli, le vere star del posto. Benché Hydra rappresenti una meta ambita e conosciuta, anche da un turismo che potremmo definire “esclusivo”, gli abitanti sono riusciti a preservare l’anima autentica del luogo. Le bellissime spiagge, il brulichio delle strade che non è, però, mai caos e un’aria d’altri tempi, fanno di quest’isola un posto perfetto per chi cerca la pace senza rinunciare al caldo e vivace spirito greco.


Lamu


Realtà unica e affascinante, Patrimonio Mondiale dell’Umanità, Lamu è una splendida cittadina che sorge sull'omonima isola di un arcipelago a nord delle coste keniane. Luogo ricco di storia, è la più antica città del Kenya e uno dei primi insediamenti swahili sulla costa africana. La magia dell’isola risiede proprio nella sua ricchezza architettonica unita ad un paesaggio tropicale mozzafiato, fatto di dune di sabbia bianchissima e acque limpide e cristalline che invitano alle immersioni. La città vecchia è un dedalo di viuzze su cui si affacciano ricchi portali decorati, giardini con fontane, balconi fioriti, retaggio di un tempo che fu.


Alla preservazione di tanta bellezza e del fascino del passato ha sicuramente contribuito il divieto di circolare con mezzi a motore. In alternativa? Bicicletta, ma soprattutto asini, che gli abitanti utilizzano per qualsiasi genere di trasporto, dalle persone, al cibo, al materiale da costruzione.




Mackinac

A Mackinac l’uso di veicoli a motore è vietato dal 1898. Da allora i soli mezzi di trasporto consentiti (salvo quelli di emergenza, è chiaro) sono la bicicletta, oppure i cavalli. Situata sulle isole Mackinac e Round, nello stato del Michigan, la piccola cittadina di meno di 500 abitanti è un’apprezzata meta turistica. L’atmosfera è quella di altri tempi, la gente cordiale, il paesaggio incantevole, l’aria tersa e pulita: insomma il paradiso di ogni ambientalista.


Oltre all'amena e pittoresca cittadina, dove il via vai di carrozze e i variopinti edifici storici vi faranno compiere un vero e proprio viaggio nel tempo, l’isola, lambita dalle acque del lago Huron, è ricca di attrattive naturali, tra le quali la più nota è sicuramente l’Arch Rock, un arco roccioso sospeso a 45 metri sull'acqua. Ampia e diversificata l’offerta per gli amanti dello sport e delle attività all'aria aperta, tra cui escursioni a piedi, in barca, in bicicletta e a cavallo.


Higashiyama


Non si tratta di un piccolo paese, bensì di un quartiere di una grande metropoli, ma il fascino di questo luogo giustifica l’eccezione. Higashiyama, quartiere storico situato nella parte orientale della città di Kyoto, significa “la montagna dell’Est”, dal nome del rilievo sul quale è stato edificato nel XIV secolo. Qui sorge il tempio più famoso di tutto il Giappone, il Kiyomizu-dera, circondato da alberi di acero e ciliegio e dalla cui terrazza si gode di uno dei panorami più spettacolari del paese.


Ma la magia di Hagashiyama non risiede soltanto nella spettacolarità dei suoi numerosi monumenti, ma nell'avere preservato nei suoi vicoli, nelle sue case e botteghe di legno in stile tradizionale l’aspetto originario del Giappone dei samurai.


Nonostante le folle di turisti che ogni giorno invadono questi luoghi (consigliato un giro la sera tardi o la mattina presto per apprezzare la bellezza architettonica degli edifici), l’assenza di veicoli è sicuramente la scelta più giusta per preservarne e valorizzarne l’antico sapore.




Autore : Francesca Fagioli

#vacanza #viaggio #travel #ecosostenibilità #turismoecosostenibile #carfree #Chamois #Alpi #Cervino #Giethoorn #PaesiBassi #canali #Venezia #Hydra #Grecia #isolagreca #isoladiLamu #Kenya #Africa #spiagge #spiaggegreche #spiaggetropicali #USA #Mackinac #Michigan #LagoHuron #sport #escursioni #bicicletta #escursioniacavallo #Higashiyama #Giappone #Kyoto #samurai #templigiapponesi #Kiyomizudera

118 visualizzazioni
01_Logo_Treedom_Friend-rgb.png

I collaboratori di Greenauta.com scelgono e raccomandano in maniera indipendente prodotti e servizi che si possono acquistare online. Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link presenti sul sito, Greenauta riceve una commissione senza alcuna variazione del prezzo finale.

  • Black Icon YouTube
  • Facebook
  • Instagram

Naturalma srl

via zanolini 15/4, 40126

Bologna (BO) ITALY

piva 03118441207